Nagazzetta Maggio/Giugno 2017
Verrà o potrebbe | Nagazzetta Numero 76 - Maggio/Giugno 2017
Nagazzetta Aprile 2017
Metodi e desideri | Nagazzetta Numero 75 - Aprile 2017
Nagazzetta marzo 2017
Resistere a Trump | Nagazzetta Numero 74 - Marzo 2017
Nagazzetta luglio 2016

 

LUGLIO 2016 - n. 73 www.naga.it    

l’analisi

Gli altri siamo (anche) noi

Come hanno votato gli immigrati alle elezioni amministrative, anche se non hanno votato.
La riflessione di Ilvo Diamanti.

Gli immigrati hanno condizionato il voto amministrativo di giugno. Al di là dei flussi reali, al di là degli avvenimenti che li hanno davvero coinvolti. Al di là di tutto. Gli immigrati hanno accompagnato il dibattito in ambito locale e nazionale, durante tutta la campagna elettorale. E, soprattutto, hanno contribuito a distinguere i candidati e gli schieramenti in campo. In modo diretto e indiretto. E, forse, più indiretto che diretto. Alla vigilia del voto - per la precisione: due settimane prima, dunque, a metà maggio - l'istituto Demos ha condotto un'indagine su un campione rappresentativo della popolazione delle 5 principali città dove si sarebbe votato. Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna...

LEGGI


il film

Sole Alto
di Dalibor Matanić.
Con Tihana Lazović, Goran Marković, Mira Banjac, Slavko Sobin, Croazia/Serbia/Slovenia, 2015.

A 25 anni dal suo inizio, come riflettere sulla guerra che ha spazzato via la Jugoslavia senza cadere nelle trappole retoriche della memoria? Con il suo film il regista croato Matanić, classe 1975, sceglie di farci percorrere il tempo lento della Storia, dalle avvisaglie delle prime ostilità fino alle ombre lunghe di un conflitto che non cessa di marchiare il presente anche dopo la firma dei trattati di pace...

LEGGI


il libro

Esodo.
Storia del nuovo millennio
Di Domenico Quirico,
Neri Pozza, 176 pagine, 16,00 euro


Attraverso le cronache di viaggi strazianti seguiti in prima persona, Domenico Quirico, giornalista della Stampa, da sempre testimone coinvolto nelle mutazioni in atto nelle terre di Africa e Asia, apre squarci di luce sugli atroci spostamenti di popoli che attraversano oggi il Mediterraneo dove ancora una volta la Storia ritorna, cerniera tra Est e Ovest, tra Sud e Nord, e si riempie di masse in movimento...

LEGGI


    
l'editoriale

Brexit, il vortice dell'immigrazione

Il verdetto questa volta è netto. Una sconfitta dura, dopo di che, dicono i Soloni di stampa e media, non resta che ricostruire squadra e programma di governo in Europa. Che questo accada in tempi brevi e efficacemente è una prospettiva che suscita, per usare un eufemismo, fondate perplessità. Ci sarebbe davvero molto da dire sul referendum in Gran Bretagna...

LEGGI
la lettera

Ma i rom dove sono finiti? sono tornati tutti a casa
(per fortuna)?


Francesca Maiorina da Muggiò

A Milano tremilacinquecento erano dieci anni fa e tremilacinquecento sono oggi, contando sinti, khorakhané, harvati e rom. Forse oggi anche cinquecento meno. Gente che va, gente che viene. Mille nei campi autorizzati e duemila fuori, in giro. Nei campi regolari oggi meno perché due sono stati smantellati, naturalmente per il bene dei rom stessi e per favorirne l'inclusione sociale
...

LEGGI

Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici,
adesso.

Anche con
il tuo 5x1000.
Codice Fiscale:
97 05 80 50 150

www.naga.it

la segnalazione

Naga su Facebook
Visita la pagina Facebook del Naga! News, storie, commenti, foto, video…. Vai alla pagina

In redazione:
E. Banchelli, C. Colombo, P. Massarotto, C. Mattea, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Fotografia: "Zattera di Lampedusa", foto e opera di Jason deCaires Taylor

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta maggio 2016

 

GIUGNO 2016 - n. 72 www.naga.it    

l’intervista

Un futuro migliore

La redazione di Nagazzetta ha deciso di pubblicare integralmente l'intervista con il prefetto Mario Morcone capo dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione presso il Ministero dell'Interno. Il suo ruolo istituzionale lo pone ai vertici dell'amministrazione per quanto riguarda i fenomeni migratori, l'accoglienza e l'integrazione dei cittadini stranieri in Italia. Il suo operato, le sue posizioni e i suoi giudizi hanno suscitato il nostro interesse. Ci auguriamo anche quello dei nostri lettori.


La strategia europea rispetto all'ondata di flussi migratori, a parte i muri, sembra non esserci, e quel poco che si intravede fa acqua da tutte le parti. Qual è la sua posizione a riguardo? Il "migration compact" è un passo in avanti o è la ripetizione di vecchi errori del passato?

La strategia europea è certamente una strategia che fa acqua da tutte le parti: su questo non c'è dubbio. L'agenda Juncker è stata ed è un fallimento. Al binomio responsabilità-solidarietà, in realtà, è corrisposta solo la nostra responsabilità e nessuna solidarietà. In più non mi piace l'accordo Europa-Turchia. Le posizioni di alcuni stati sono assolutamente incompatibili con il disegno nel quale io credo fortemente che è la "casa comune europea" e qui si scontrano naturalmente politiche nazionali tutte volte al consenso interno piuttosto che a costruire percorsi che guardino un po' più lontano...

LEGGI


il film

Al di là delle montagne
di Jia Zhang-Ke.
Con Zhao Tao, Zhang Yi, Giappone, Cina, Francia, 015, 131'

Passato, presente, futuro. Il bel film di Jia Zhang-ke racconta con malinconico disincanto, attraverso tre momenti discontinui, l'intreccio tra le mutazioni politiche e sociali e i destini individuali di una società in transizione...

LEGGI


il libro

A Calais
di Emmanuel Carrère,
Adelphi, 49 pagine, 7,00 euro


Fin dalla prime pagine, l'autore afferma di voler raccontare Calais, al di là dei migranti. Ma non senza di loro, perché sarebbe impossibile, dato il forte impatto che il loro arrivo esercita sulla città e sui suoi abitanti...

LEGGI


 

    
la lettera

E gli scafisti?
Vi piacciono anche gli scafisti?


Demetra da piazzale Brescia

Federica Mogherini,
rappresentante della Ue per gli affari esteri, a fine 2015 ha annunciato che sarebbero state inasprite le misure di repressione nei confronti dei trafficanti di uomini (e di donne, naturalmente) e ormai da più di qualche anno la retorica dello scafista cattivo è ampiamente diffusa. Secondo tale rappresentazione, i migranti si muovono verso l'Europa perché dei malvagi ce li portano. L'utilizzo del concetto di trafficking è tuttavia fuorviante: non si tratta di persone ingannate o costrette a spostarsi contro la loro volontà, ma di persone obbligate a pagare qualcuno per poter emigrare o fuggire...

LEGGI

Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici,
adesso.

Anche con
il tuo 5x1000.
Codice Fiscale:
97 05 80 50 150

www.naga.it

la segnalazione

ACCOGLIERE
Martedì 14 giugno 2016
alle 20.00, presso il NAGA

vi aspettiamo per parlare di:

Accoglienza dei richiedenti asilo a Milano e in Italia, delle alternative al di fuori dell'emergenza.

La buona accoglienza e quella che esclude. Gli attori coinvolti, le proposte e gli scenari futuri.

Maggiori info qui

In redazione:
E. Banchelli, F. Catacchio, P. Massarotto, C. Mattea, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Fotografia: Dida. Svezia Maggio 2016

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta aprile 2016
APRILE 2016 - n. 71 www.naga.it    

l’intervista

Cronache dall'attesa

Alla fine di marzo Annapaola, Arianna e Maria Antonietta, tre volontarie del Naga, hanno visitato per quattro giorni il campo profughi di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia. Abbiamo raccolto le loro impressioni.

Quale situazione avete trovato al vostro arrivo?
La situazione è critica poiché il confine è stato progressivamente chiuso. Ad oggi non passa più nessuno. Tra Idomeni, campo sorto spontaneamente a ridosso della frontiera dove stanziano circa 10/12000 persone, e i campi gestiti dall'esercito greco (come Diavata) o altri campi improvvisati nelle vicinanze (come Polikastro), le persone aspettano, nonostante tutto di continuare il proprio viaggio o capire come avviare il processo per il riconoscimento dello status di rifugiato o di ricollocamento...

LEGGI


il film

Loro di Napoli
di Pierfrancesco li Donni.
Con Antonio Gargiulo, Raffaele Shassah, Adam Touré, Maxime Kesse, Italia 2015, 75'

A metà strada tra film e documentario, Loro di Napoli è il racconto di una sfida sportiva: la partecipazione al campionato di terza categoria della Figc dell'Afro-Napoli United, la prima squadra di calcio italiana a essere composta da giocatori migranti e italiani. Una sfida che, come spesso accade, deve essere vinta negli uffici amministrativi prima ancora che sul campo di gioco...

LEGGI


il libro

Giorni di fuoco
di Ryan Gattis,
Guanda, 380 pagine, 18,50 euro


I 17 racconti che compongono Giorni di fuoco sono ambientati nel 1992, nei giorni della sommossa razziale di South Central (sud Los Angeles). Si tratta, ancora oggi, dice Gattis "del più grande disordine civile nella storia degli Stati Uniti"...

LEGGI


    
l'editoriale

Carote e bastoni

Insieme ai confini fisici e politici, le migrazioni destabilizzano la geografia economica dell'Europa. Il “Muro” che si dovrebbe costruire al Brennero - così si dice - avrebbe effetti letali sui flussi turistici e l’ export di un’area che va dall’Alto Adige alla Lombardia...

LEGGI
la lettera

Basta con 'sta retorica dei poveri bambini stranieri. Bravi i deputati inglesi. Perché non facciamo così anche da noi?

Battista dal Quartiere Sant'Ambrogio

Detto che della domanda mi stupisce solo che non ci sia scritto retorica buonista (accoppiata) inscindibile, ecco il fatto: la camera dei comuni inglese ha rigettato l'emendamento che prevedeva di accogliere 3mila bambini migranti che gia' si trovano in Europa
...

LEGGI

Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici,
adesso.

Anche con
il tuo 5x1000.
Codice Fiscale:
97 05 80 50 150

www.naga.it

la segnalazione

(Ben)venuti!
Mercoledì 4 maggio 2016
alle ore 11.00

Conferenza stampa di presentazione dell'indagine sul sistema d'accoglienza dei richiedenti asilo a Milano e provincia.

In redazione:
E. Banchelli, F. Catacchio, P. Massarotto, C. Mattea, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Fotografia: Campo profughi di Idomeni

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta marzo 2016
MARZO 2016 - n. 70 www.naga.it    

l’analisi

Scioperare in galera

In Germania i detenuti si sono organizzati sindacalmente, ci racconta il fenomeno Joerg Nowak, un ricercatore dell'Università di Kassel

Negli ultimi mesi è circolata anche in Italia la notizia che in Germania sono in corso degli scioperi in numerose prigioni dove i detenuti (tedeschi e stranieri) si sono organizzati sindacalmente. Abbiamo chiesto a Joerg Nowak, un ricercatore dell'Università di Kassel che si occupa dell'argomento e segue da vicino la situazione, di spiegarci quanto sta accadendo, certi che si tratti di un fenomeno destinato a diffondersi anche altrove viste le condizioni del lavoro penitenziario in tutta Europa. In Italia, stando agli ultimi dati dell'Associazione Antigone, le mercedi (ossia i salari nel gergo del carcere), che per legge devono essere pari ad almeno due terzi di quelle esterne, sono ferme ai primi anni Novanta e si aggirano intorno ai 2 € e mezzo l'ora...

LEGGI


il film

Fuocammare
di Gianfranco Rosi.
Con Samuele Pucillo, Mattias Cucina, Samuele Caruana, Pietro Bartolo, Italia/Francia 2016, 107'

Frutto di un anno di soggiorno a Lampedusa, il film di Rosi è fondamentalmente un omaggio alle condizioni che vigono sull'isola, scissa fra il dramma che si compie nel mare e il bisogno della sua gente di portare avanti una vita normale e dignitosa malgrado l'assedio che incombe...

LEGGI


il libro

Giorni di fuoco
di Ryan Gattis,
Guanda, 380 pagine, 18,50 euro


I 17 racconti che compongono Giorni di fuoco sono ambientati nel 1992, nei giorni della sommossa razziale di South Central (sud Los Angeles). Si tratta, ancora oggi, dice Gattis "del più grande disordine civile nella storia degli Stati Uniti"...

LEGGI


    
l'editoriale

Atti iniqui,
patti iniqui


Da Bruxelles all'isola di Lesbo l'Europa è nella morsa di una stessa iniquità: un attacco indiscriminato alla nuda vita delle persone, a prescindere dalle identità di genere, nazionali, religiose, ...

LEGGI
la lettera

Finalmente, nonostante le vostre cause, i rom di Via Idro li hanno sgomberati e, in fondo, non me ne frega niente.

Milan da Rho Fiera

I rom di Via Idro hanno il difetto di essere rom, una minoranza sfilacciata che a malapena innervosisce la sinistra pallida milanese e che neppure tange il cittadino comune, se non in conto di disprezzo. Per assurdo, a destra, un qualche interesse lo risvegliano; almeno per contrapposizione, che è parecchio più dell'indifferenza
...

LEGGI

Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici,
adesso.

Anche con
il tuo 5x1000.
Codice Fiscale:
97 05 80 50 150

www.naga.it

la segnalazione

Sogno e impegno:
in concerto per Italo

Domenica 3 aprile 2016
Teatro Elfo Puccini
a Milanoore 18.00
Ingresso libero.

In redazione:
E. Banchelli, F. Catacchio, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Illustrazione: chiccabu

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta febbraio 2016

 

FEBBRAIO 2016 - n. 69 www.naga.it    

l’analisi

I nostri figli

Gabriele Del Grande, giornalista, scrittore, regista e acuto interprete del fenomeno migratorio riflette sulla mediterraneità

Vi ricordate il piccolo Aylan? La foto del suo corpicino riverso sulla sabbia commosse il mondo. Era il Settembre 2015. Da allora di piccoli Aylan ne sono morti a centinaia lungo le rotte del contrabbando nel mare Egeo, l'indignazione però è passata di moda. Un bimbo che muore ai confini d'Europa non fa più notizia. E non perché manchino giornalisti bravi. No, quello che manca è un discorso sul Mediterraneo.
Vi siete mai chiesti perché quei bambini non ci riguardano? Perché l'opinione pubblica finisce per percepirli irrimediabilmente altri, lontani e perfino nemici?...

LEGGI


il film

Una volta nella vita
di Marie-Castille Mention-Schaar. Con Ariane Ascaride, Ahmed Dramé, Noémie Merlant, Geneviève Mnich, Francia 2014, 105'

Dopo il memorabile La classe (2008), il cinema francese torna a cercare nel mondo scolastico lo specchio delle tensioni che percorrono la società contemporanea. In questo caso, tuttavia, il racconto non vuole tanto denunciare il disagio, solo accennato qua e là come di sfuggita, quanto aprire uno spiraglio di speranza nel fosco panorama di una periferia multietnica a sud di Parigi che assomiglia a quella di tante altre città...

LEGGI


il libro

Quale Islam? Jihadismo, radicalismo, riformismo
di Massimo Campanini,
La Scuola, 2015,
pp. 128, 9.50 euro


Questo instant book è un nuovo capitolo dell'emendazione dell'intelletto e delle passioni da tempo portata avanti da Massimo Campanini per far sì che ognuno di noi possa scrollarsi di dosso i pregiudizi, le false rappresentazioni e i cattivi pensieri verso l'Islam. Campanini e i suoi collaboratori affrontano con chiarezza e rigore la più spinosa delle questioni: l'Islam e la politica...

LEGGI


    
l'editoriale

Sorriso amaro

Il leghista con la ramazza Fabio Rizzi, ex presidente della Commissione sanità della Regione Lombardia, promotore della riforma sanitaria "alla Maroni", è stato arrestato per tangenti e appalti nel settore odontoiatrico. Quanto costa la corruzione nel sistema sanitario? Il modello lombardo è davvero così efficiente, considerati gli sprechi di denaro pubblico accumulati per decenni?...

LEGGI
la lettera

Cosa c'entrano
i cinesi con
le primarie e
con Sala?


Wu dal Monumentale

Si potrebbe partire da Crozza: "I cinesi hanno votato Sala senza sapere perché. Come tutti quelli che votano Pd". Si potrebbe dire che nel sabato incriminato i voti sono stati circa 7700, di cui il 4% di cittadini stranieri e una sub-frazione di cittadini cinesi, tra i quali bisognerebbe forse distinguere tra cinesi-cinesi (col pds in regola, per carità) e italo-cinesi e ulteriormente tra cantonesi, di Shanghai, del Guangdong o dello Yunnan
...

LEGGI

Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici,
adesso.

www.naga.it

la segnalazione

Sabato 5 marzo 2016 ore 11.00 al NAGA
Lo Stato islamico non esiste

Una riflessione sulla costruzione di un nemico e la potenza delle finzioni.
La giornalista Manuela Borraccino intervista Massimo Campanini. Ingresso libero

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, C.Colombo, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Foto: "Speranza di una nuova vita" - World Press Photo 2016 di W. Richardson

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta gennaio 2016

GENNAIO 2016 - n. 68 www.naga.it    

l’analisi

Maschile plurale

Francesco Della Puppa, autore di Uomini in movimento. Il lavoro della maschilità fra Bangladesh e Italia (Rosenberg&Sellier, 2014), interviene nel dibattito acceso dal “capodanno di Colonia”

Il sociologo algerino Abdelmalek Sayad ha definito le migrazioni «un’occasione privilegiata [...] per rendere palese ciò che è latente nella costituzione e nel funzionamento di un ordine sociale, per smascherare ciò che è mascherato, per rivelare ciò che si ha interesse a ignorare e lasciare in uno stato di “innocenza” o ignoranza sociale, per portare alla luce o ingrandire ciò che abitualmente è nascosto nell’inconscio sociale». Da sempre, infatti, la presenza di immigrati e immigrate permette agli autoctoni di specchiarsi e riflettersi nei “nuovi arrivati”...

LEGGI


il film

A perfect day
di Fernando León de Aranoa.
Con Benicio Del Toro, Tim Robbins, Olga Kurylenko, Melanie Thierry, Fedja Štukan,
Spagna 2015, 106’.

Il 1995 nei Balcani: la conclusione degli accordi di pace. È un momento pericoloso in cui tutti dovrebbero fermarsi, ma di cui chiunque approfitta per regolare gli ultimi conti. Chi invece non si ferma e 'un gruppo di cooperanti composto da due vecchie volpi del mestiere - Mambrù (un ottimo Benicio del Toro) - e B. (Tim Robbins al meglio); una neofita zelante e spaventata; una bellona russa già membro del gruppo, ex fiamma di Mambrù, ora una specie di ispettrice; l'interprete locale Damir...

LEGGI


la rivista

L’ultima utopia.
Gli jihadisti europei
di Renzo Guolo,
Guerini e Associati 2015,
pp. 175, € 14,50.


Guolo è tra i più ascoltati esperti italiani in tema di foreign fighters. Questo saggio raccoglie i risultati del suo lavoro sulla crescente espansione del fenomeno. Descrive i processi che conducono cittadini occidentali con le più diverse biografie - immigrati di seconda generazione ma anche europei convertiti, accomunati dalla giovane età (fra i 18 e i 28 anni) - ad aderire al jihad...

LEGGI


    
l'editoriale

Finis Europae

“Non è delle urne che dovreste preoccuparvi, ma dei libri di storia”. E’ l’invito, inascoltato, lanciato da un battello di Amnesty International ai leader europei che al vertice di Amsterdam hanno dato il colpo di grazia all’accordo di Schengen. Lo stesso messaggio, altrettanto inascoltato, viene emesso quasi ogni giorno dalle pagine dei più prestigiosi giornali economico-finanziari: per affrontare la questione delle migrazioni (cioè dell’Africa sempre più povera e popolosa, del Medio Oriente sempre più nel caos) servirebbe una politica con lo sguardo lungo un secolo, purtroppo abbiamo politici che non vedono oltre l’angolo delle prossime elezionii...

LEGGI
la lettera

Richiedenti asilo: taglieggiati in Danimarca e in Svizzera, marchiati di rosso in Gran Bretagna. Stiamo esagerando?

Saverio da Quarto Cagnino

L'idea, appena approvata dal parlamento danese e già operativa in Svizzera, di sequestrare ai migranti denaro o beni per coprire le spese dell'accoglienza e della procedura per la determinazione dello status di rifugiato, riposa su convinzioni becere e diffuse
...

LEGGI

Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici,
adesso.

www.naga.it

la segnalazione

Naga su Facebook

Storie, eventi, news e tanto altro sulla pagina Facebook del Naga

www.facebook.com/NagaOnlus

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Foto: Di notte con Cabiria di I. Carmassi

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta dicembre 2015

DICEMBRE 2015 - n. 67 www.naga.it    

l’analisi

Vertiginose simmetrie

Se i diritti di cittadinanza perdono sostanza, vengono percepiti come privilegi. E’ il punto di congiunzione, secondo la filosofa Judith Revel, di due radicalizzazioni speculari: jihadismo minoritario e lepenismo maggioritario.
Dell’Italia risulta facile e spesso comodo spiegare i sussulti razzisti e xenofobi con ciò che ne costituisce in parte la specificità storica. Paese di emigrazione massiccia – 26 milioni d’italiani emigrati all’estero tra il 1875 e il 1975 – e di immigrazione recente, dove il razzismo interno (rivolto all’immigrazione meridionale) è venuto prima del razzismo esterno, verso ben più recenti popolazioni immigrate “da fuori”, agganciato a tratti che ne cristallizzano il rifiuto: il colore della pelle (i neri, gli “scuri”), il nomadismo (i rom), la religione (i musulmani)....

LEGGI


il film

Dheepan.
Una nuova vita

di Jacques Audiard.
Con Vincent Rottiers, Jesuthasan Antonyhasan, Kalieasvari Srinavasan. Francia, 2015, 109’.

E’ in fuga dallo Sri Lanka Dheepan, guerrigliero segnato dalla guerra civile. Porta con sé una donna e una bambina sconosciute per simulare con loro, una volta approdati in Francia, una realtà familiare che agevoli l’accoglienza. Non ci vorrà molto per scoprire che la guerra da cui si è scappati ricompare, sotto altre spoglie, nella diseredata periferia in cui Dheepan ha trovato lavoro come guardiano...

LEGGI


la rivista

La strategia
della paura
Limes, n.11/2015 (dicembre)
pag. 240, 14 euro


Incalzati e frastornati dalla cronaca degli orrori, abbiamo bisogno di una bussola per orientarci nel caos globale. Cerchiamo informazioni e analisi che reggano a due giri di lancette d’orologio. Le troviamo nel numero di dicembre di Limes, dedicato alla strage di Parigi, agli antefatti e alle reazioni da essa suscitate. L’incipit dell’editoriale del direttore Lucio Caracciolo – “Il terrorista porge al nemico la corda con cui impiccarsi...

LEGGI


    
l'editoriale

Che anno è stato?

Il 2015 è stato l’anno dei migranti? Sì, e lo conferma da ultimo l’indagine sui mass-media dell’associazione “Carta di Roma”: solo 39 giorni senza un titolo su di loro. Però: in tutto questo scrivere, fotografare, parlare, commuoverci, picchiare la testa contro il muro perché ci sentiamo impotenti, dimentichiamo che prima della grande crisi economica l’Europa “assorbiva” un milione di migranti l’anno, grosso modo quanti ne sono arrivati nel 2015. Non è solo aumentata la drammaticità delle partenze e la pericolosità dei viaggi. L’altra cruda differenza riguarda noi: i migranti non ci servono più come prima. Ma “loro” continueranno ad arrivare anche se “noi” continueremo a essere disoccupati...

LEGGI
la lettera

Donald Trump:
ogni paese ha
il pericoloso cretino di successo che
si merita?


Lo Zanni da Porta Cicca

Ce ne fosse solo uno per paese, probabilmente saremmo a cavallo. Temo ce ne siano molti di più per ogni paese ma pure per ogni regione e città. Se proviamo a ribaltare la domanda, come potrebbe venire?
...

LEGGI

Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici,
adesso.

www.naga.it

la segnalazione

Naga su Facebook

Storie, eventi, news e tanto altro sulla pagina Facebook del Naga

www.facebook.com/NagaOnlus

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei

NOVEMBRE 2015 - n. 66 www.naga.it    

l'intervista

Il bagaglio leggero

Luca Pisoni è uno studioso di antropologia e archeologia della contemporaneità. Obiettivo del suo ultimo lavoro indagare quali sono gli oggetti che i migranti portano con sé nel viaggio che li condurrà in Europa

Come si è svolta la tua ricerca e quali i risultati più significativi cui ha condotto? Si potrebbe immaginare anche per la tappa del Brennero una sorta di museo degli oggetti che accompagnano gli attuali flussi migratori, come è stato fatto nel Museo delle Migrazioni di Lampedusa e Linosa?
Da archeologo mi sono ritrovato spesso a pensare a quali oggetti mi sarei portato in un viaggio epocale come quello che affrontano i migranti in questi mesi. E’ nato così il progetto di ricerca Cosa mi porto in Europa? (http://lucapisoni.blogspot.it/2015/08/cosa-mi-porto-in-europa.html), svoltosi nelle stazioni dove i migranti sostano per qualche ora in attesa del treno che li porterà in Germania...

LEGGI


il film

I sogni del lago salato
di Andrea Segre, documentario,
Italia 2015, 72 min

Il documentario di Andrea Segre, presentato al Festival di Locarno 2015 e ora in circolazione in alcune sale italiane, dimostra quale serbatoio di riflessione possano essere anche per il cinema le fasi di transizione storica. Con la scoperta dei suoi giacimenti di petrolio e di gas il Kazakistan sta voltando le spalle con sconcertante rapidità all’arretratezza in cui versavano le sue steppe, i suoi laghi sconfinati, i suoi villaggi...

LEGGI


il libro

Espulsioni.
Brutalità e complessità nell’economia globalea
di Saskia Sassen,
il Mulino 2015, pp.289, euro 25

Dagli anni Novanta del Novecento Saskia Sassen cartografa spazi, descrive processi economici e sociali, analizza fenomeni e tendenze politiche, fabbrica concetti per comprendere il nostro presente globale. Una genealogia della globalizzazione giunta a un punto critico intorno a cui si condensa questo tesissimo ultimo libro...

LEGGI


    
l'editoriale

I nostri alleati

“Confondere i profughi con i terroristi è moralmente inaccettabile e strategicamente controproducente”.
L’ha scritto, dopo la strage di Parigi, il New York Times. Basta un minimo di discernimento per condividere un’affermazione così autoevidente da risultare banale...


LEGGI
la lettera

Ma quante guerre
ci sono???


Chiara dalla Comasina

Guerre, ce ne sono di dichiarate. Striscianti, se non se sa molto tranne che ci sono. Fredde (da rimpiangere?), se combattute sull’equilibrio della minaccia atomica. Diplomatiche, tipo Cavour. Per procura, fatte fare ad altri e altrove, tipo Arabia Saudita-Iran. Guerriglie, se chi colpisce poi scappa
...

LEGGI
Noi li aiutiamo
a casa nostra.

Sostienici, adesso.

www.naga.it

la segnalazione

Naga su Facebook

Storie, eventi, news e tanto altro sulla pagina Facebook del Naga.

www.facebook.com/NagaOnlus

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Foto: vignetta da il manifesto

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta Ottobre 2015
OTTOBRE 2015 - n. 65 www.naga.it    

una lettera per Italo

Camminare facendo

Molti hanno salutato con pensieri, testimonianze, ricordi Italo Siena. Un ex volontario del Naga gli ha scritto una lettera

Caro Italo,
ti incontrai la prima volta nel 1999, al corso di formazione per nuovi volontari. La tua fama ti precedeva. Ti conoscevo come il fondatore del Naga. Per me eri, e sei ancora, una specie di mito. Venivo da forti delusioni politiche e cercavo nel Naga un luogo autentico e reale dove “fare” e “essere” politica. Ho trovato quello che cercavo. Ho trovato un’associazione vera e ho trovato te.
Durante il tuo intervento mi colpì da subito la carica passionale trasmessa dalle tue parole, dai tuoi gesti e da quelle grandi mani che sembravano disegnare mondi e storie sempre possibili...

LEGGI


il libro e il film

I preferiti di Italo


Tra i libri e film preferiti da Italo, due classici americani: On the road, coi suoi personaggi complessi, trasgressivi, sempre “alla ricerca”, e Colazione da Tiffany, dominato dalla figura di una giovane provinciale, sofisticata, fragile, entusiasta.

Ed ecco che Italo ci stupisce di nuovo: gli opposti che stanno insieme, il furgone di Kerouac e la gioielleria di Audrey Hepburn...

LEGGI


    
l'editoriale

Con e senza Italo

Nella tarda mattinata di domenica 11ottobre Italo Siena è morto mentre si svolgeva il seminario annuale del Naga. Stavamo discutendo di come le migrazioni sono profondamente cambiate e di come, di conseguenza, debba profondamente cambiare il Naga...

LEGGI
la lettera

Perché il Naga
si chiama Naga?


Il nome l'ha trovato Italo Siena, medico libertario straripante di understatement che mai ho sentito rivendicare di essere il fondatore del Naga...

LEGGI
Non facciamo
cose speciali,
guardiamo le cose
in modo diverso.

Sostieni il Naga adesso

www.naga.it

la segnalazione

Sono aperte le iscrizioni al nuovo corso di formazione.

Diventa Volontario del Naga!

Il corso è composto da una serata di presentazione e due fine settimana: 7/8 e 14/15 novembre.

Scadenza iscrizioni
3 novembre 2015
.

Per iscriverti: www.naga.it
Info: formazione@naga.it

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Foto di F. Acerbis

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta Settembre 2015
SETTEMBRE 2015 - n. 64 www.naga.it    

la storia

Il mio amico Rick, trafficante di uomini

Ingo Schulze (Dresda, 1962) è uno degli scrittori tedeschi contemporanei più noti anche in Italia, ma anche un intellettuale molto presente nel dibattito pubblico.

Conosco Rick da molto tempo, su per giù da trent’anni. Era proprietario di un bar a C., una città portuale del Mediterraneo in cui si dava ritrovo gente d’ogni tipo, tra cui anche ufficiali di un esercito poco popolare nel paese. Rick - piccoletto, sulla quarantina, gran fumatore, di un’eleganza impeccabile - divenne per caso trafficante di uomini. Un tipo che aveva la polizia alle calcagna, fidandosi di lui, gli aveva dato da custodire due visti di transito e Rick li passò a due profughi la cui vita era in pericolo. E perché la loro fuga andasse a buon fine, Rick fece fuori anche un alto ufficiale. La sua azione non ha messo fine alla nostra amicizia, anzi. Io - e non solo io - ero convinto che Rick avesse agito per il meglio...

LEGGI


il film

Those Who Feel the Fire Burning
di Morgan Knibbe - Olanda 2014, 74 min

“Esistenza e non esistenza per me sono entrambe estranee” dice lo spettro di un uomo annegato durante una traversata in gommone verso l’Europa. Questa condizione è il tema del docu film di Morgan Knibbe. Girato con una tecnica estraniante, seguiamo in soggettiva la camera drone che plana e decolla febbrilmente a seguito dello spirito che si aggira in un desolato limbo attraverso città e luoghi d’Europa...

LEGGI


il libro

L’invenzione
della Frontiera
di Federico Simonti,
Odoya 2015, pp.350, euro 22


Il sottotitolo ambizioso - Storia dei confini materiali, politici, simbolici - evita di scambiarlo per un instant book, scritto sull’onda dell’indignazione per il muro di Orbàn, l’ultimo di una foltissima serie. No, qui si parte dal primo che con un bastone segnò il confine di quella che sarebbe diventata una città e poi magari un impero e si arriva a oggi. Viaggiando sulla carta geografica e fornendo cifre, informazioni, immagini sulle frontiere come manufatti...

LEGGI


    
l'editoriale

Cui prodest?

L'Europa secondo le previsioni dell'OCSE e della Commissione Europea per evitare la stagnazione economica sarà obbligata ad assorbire 50 milioni di migranti entro il 2060. Più il rapporto tra occupati e pensionati è alto, più è sostenibile il sistema pensionistico. Guarda caso la Germania è uno dei paesi con il più alto tasso di invecchiamento, dunque - secondo molti - ecco spiegato il perché del recente atteggiamento "accogliente".
Piccolo neo: anche l'Italia ha un'età media in forte rialzo, ma non risulta che i politici correnti se ne siano accorti...


LEGGI
la lettera

Ma cosa diranno
di noi all'estero?


Braccio di Orione nana gialla G2V pianeta 3 anno siderale 29 rapporto 12.3

L'osservazione prolungata della specie animale, che popola in abbondanza il pianeta e si autodefinisce sapiens, induce a ritenere che sia composta da esseri aggressivi tanto verso altre specie tanto verso i simili. Tale caratteristica risulta potenzialmente involutiva per il pianeta intero
...

LEGGI
Non facciamo
cose speciali,
guardiamo le cose
in modo diverso.

Sostieni il Naga adesso

www.naga.it

la segnalazione

Intervista a due volontarie
del gruppo Cabiaria


SARA e MIRIAM

Durante la puntata de "I dieci comandamenti" andata in onda sabato 19 settembre 2015, Domenico Iannaccone ha intervistato Sara e Miriam, due volontarie del gruppo Cabiria del Naga.

Guarda la puntata sulla pagina Facebook del Naga

www.facebook.com/NagaOnlus

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, C. Colombo, N. Curto, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Foto: Profughi siriani in Serbia, per raggiungere l’Ungheria. (Aris Messinis, Afp)

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta - Giugno 2015 -
GIUGNO 2015 - n. 63 www.naga.it    

l'analisi

Europa a picco

I migranti mettono a nudo
un continente in frantumi.
Unico collante, il business
per respingerli e contenerli:
13 miliardi in 15 anni


E’ da anni che l’immigrazione è un argomento politicamente esplosivo in Europa. Elezione dopo elezione, in tutti i paesi della Ue crescono i partiti xenofobi (con la sola, parziale, eccezione della Germania, ma anche qui iniziano segnali inquietanti, con l’irruzione sulla scena politica dell’Afd e delle manifestazioni di Pegida). La crisi attuale e le tensioni nei punti di frizione, come Ventimiglia, portano alla luce del sole sia l’assenza di una politica migratoria comune (ogni stato resta “sovrano” su questo fronte), sia la mancanza di solidarietà tra i paesi della Ue...

LEGGI


il film

Asmarina
di Alan Maglio e Medhin Paolos,
Italia 2015, 69'

Negli anni Trenta Mimmo Carolei, italiano d’Eritrea, cantava “Asmarina del mio cuor” per celebrare le bellezze di Asmara. Questa canzone, che dà il titolo al documentario diretto e prodotto da Alan Maglio e Medhin Palos, è solo uno dei “reperti” storici che i due registi hanno riportato alla luce per raccontare la storia della comunità habesha (eritrea ed etiope) in Italia e in modo particolare a Milano. Il film è parte di un progetto più ampio che vuole raccogliere storie e ricordi di una comunità che affonda le sue radici nell’esperienza coloniale italiana nel corno d’Africa
...

LEGGI


il libro

Abolire il carcere
di Luigi Manconi, Stefano Anastasia, Valentina Calderone, Federica Resta, Chiarelettere 2015, euro 12, pp. 120.

Gli autori invitano a riprendere la riflessione, ormai storica, sulla necessità di superare la detenzione come forma unica e inevitabile di somministrazione della pena. Il tema è particolarmente urgente oggi in Italia perché, pur disponendo di un corpus di leggi, anche recenti, che consentirebbe una riduzione o sostituzione dell’area del carcere con misure alternative più adeguate, vi si fa ancora ricorso in modo ben più sistematico che negli altri paesi europei: il 24% dei condannati lo subiscono in Inghilterra e in Francia, l’82% nel nostro paese...

LEGGI


    
l'editoriale

La truffa
del "buonismo"


“Il buonismo è l’oppio dei popoli”. E’ il perentorio e telegrafico intervento di un ascoltatore a un microfono aperto di Radio Popolare nei giorni caldi dei migranti bloccati nelle stazioni e respinti alle frontiere.
Nelle 24 ore successive a quel microfono aperto la cronaca smentiva la bizzarra affermazione. Dimostrava, semmai, che il “cattivismo” è metodo di governo, strumento per la raccolta del consenso, tono della comunicazione, pulsione dominante...


LEGGI
la lettera

La ruspa di Salvini farà davvero
la storia?


C’era una ruspa nel pratone di Pontida, made by Caterpillar. Per ora, la storia l’ha fatta il marchio Caterpillar che ha imposto il suo nome al mezzo meccanico. In tutto il mondo, persino nel varesotto. Tant’è che una delle canzoni di Umberto Bossi, quand’era un teddy boy con aspirazioni artistiche, era intitolata “Col caterpillar”...

LEGGI
Non facciamo
cose speciali,
guardiamo le cose
in modo diverso.

Sostieni il Naga adesso anche
con il 5x1000.
Codice fiscale
97 05 80 50 150.

www.naga.it

la segnalazione

Sabato 27 giugno
dalle 19.00

DAR VOCE A CHI
SI VUOL FAR TACERE

Grande festa presso Cascina autogestita Torchiera Senzacqua

INFO: www.naga.it

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, S. Colombo e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Foto: Ventimiglia - giugno 2015

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta Maggio 2015
MAGGIO 2015 - n. 62 www.naga.it    

la storia

Forza Dimitrov

Anche il Naga ha la sua ala sinistra: in Bulgaria giocava in serie A e segnava dei bei gol, adesso ci regala le caramelle

Lavoro nel paese d’origine? “Calciatore”, si legge nell’angolo in basso a sinistra della cartella sanitaria del bulgaro Dimitar Dimitrov, nato il 31 dicembre 1956 a Blagoevgrad, paziente dell’ambulatorio del Naga dal 2010. E’ una cartella voluminosa e consumata, passa tra le mani di volontari e medici ogni lunedì pomeriggio, quando Dimitrov – colpito da un ictus cerebrale nel 2009 - viene per controllare la pressione. Diciamo la verità: quel “calciatore” a molti era sembrato, se non una fanfaronata, un’esagerazione. Nessun patito di calcio aveva indagato e con il passare del tempo Dimitrov per tutti al Naga è diventato “quello delle caramelle”: ne porta sempre qualcuna, quando va di lusso ci aggiunge un paio di Mon Chéri, da offrire alle volontarie dell’accoglienza. E invece...

LEGGI


il film

Limbo
di Matteo Calore e Gustav Hofer,
Italia 2014, 56’

I CIE, Centri di Identificazione ed Espulsione, sono quei luoghi dove vengono trattenuti cittadini non provenienti dai paesi U.E. e risultati privi di permesso di soggiorno durante un controllo delle forze dell’ordine. Il tempo di permanenza in questi centri può durare fino a 18 mesi e si configura come un lungo ed estenuante periodo di attesa sia per i “detenuti” che per le famiglie che aspettano di conoscere la sorte dei propri carii
...

LEGGI


il libro

Confessioni di un trafficante di uomini
di Andrea Di Nicola
e Giampiero Musumeci,
Chiarelettere 2014, pp. 176, € 12,00


Attraverso i racconti-confessioni di alcuni protagonisti, i due autori svolgono una lucida analisi del business dell’immigrazione clandestina, delineandone la struttura, le dinamiche e le figure coinvolte. Senza accontentarsi degli stereotipi mass-mediatici – gli scafisti, Lampedusa come unica porta di accesso alla fortezza Europa – descrivono gli scenari noti (le coste del Mediterraneo) e meno noti (le aree di transito degli aeroporti), mettono a fuoco i princìpi di governo e individuano i tre momenti (il reclutamento dei migranti, il loro trasferimento e l’ingresso nel Paese di destinazione) su cui si fonda l’attività dei trafficanti, che ai loro occhi è in tutto e per tutto paragonabile a quella di un’agenzia di viaggi che riceve/cerca i propri clienti, offre loro pacchetti-viaggio su misura, in base alla destinazione prescelta e alle diverse disponibilità economiche, e prova ad accontentarli (se si vogliono trovare nuovi clienti non c’è miglior testimonial di un cliente soddisfatto)....

LEGGI


    
l'editoriale

L’Agenda evaporata

Il mix di roboante retorica su svolte epocali dell’Europa nei riguardi dell’immigrazione e incapacità di prendere decisioni davvero diverse, praticabili ed efficaci è diventato un metodo di governo e un modo per fare politica. Lasciamo perdere l’ipotesi di bombardare il network dell’economia degli scafisti in Libia. Per il resto, le cose cambiano di continuo...

LEGGI
la lettera

Nella grande abbuffata di Expo la fame è indigesta?

Trattandosi di un concetto in negativo (dal latino fatisci, cioè venir meno, mancare), la fame è difficile da rappresentare e, quando comunque lo si fa, riesce poco accattivante.
Il tema dell'esposizione universale milanese è poi "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita" (maiuscole incluse): se sei un conservatore depressivamente affezionato allo spirito critico, traduci "fame nel mondo - facciamo qualcosa"; se sei un consumatore, neppure necessariamente edonista, leggi "ricette dal mondo e forse qualcosa di bio".
...

LEGGI
Non facciamo
cose speciali,
guardiamo le cose
in modo diverso.

Sostieni il Naga adesso anche
con il 5x1000.
Codice fiscale
97 05 80 50 150.

www.naga.it

la segnalazione

5 Proiezioni speciali
FRONTIERE

29 maggio 2015
Frozen River
di Courtney Hunt

12 giugno 2015
Io sto con la sposa
di A. Augugliaro, G. Del Grande, K.S. Al Nassiry

INFO: www.naga.it

In redazione:
E. Banchelli, M. Cartosio, F. Catacchio, S. Colombo, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Foto: Nazionale bulgara 1974

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta Aprile 2015
APRILE 2015 - n. 61 www.naga.it    

la riflessione

Su di noi

Le migrazioni cambiano.
Dopo 28 anni, deve cambiare anche il Naga? E se sì, come?


Almeno 1750 migranti morti nel Mediterraneo nei primi quattro mesi del 2015, uno ogni due ore. Unica reazione dell’Unione europea: qualche euro in più per non farli arrivare. Parlare di noi, riflettere sul Naga, proprio nel mese in cui le stragi sono culminate in ecatombe potrebbe sembrare insensibile e futile egocentrismo. Non è così. Quelle morti sono il segno tragico della trasformazione delle migrazioni verso l’Europa che approdano in Italia per ragioni geografiche, transitano se possono, altrimenti si fermano. Questa trasformazione ci interpella sull’adeguatezza di un’associazione che compie 28 anni. ... LEGGI


il film

Samba
di Eric Toledano e Olivier Nakache,
con Omar Sy, Charlotte Gainsbourg,
Tahar Rahim, Izia Higelin, Youngar Fall, Francia 2014, 116’

Eric Toledano e Olivier Nakache, già registi del successo cinematografico Quasi amici, tornano sul grande schermo con una nuova commedia sul tema dell’immigrazione, Samba. Con l’intento di raccontare la vita dei sans papier parigini con leggerezza e umorismo, i due autori imbastiscono una storia d’amore tra Samba (Omar Sy), ragazzo senegalese che da dieci anni vive in Francia senza documenti, e Alice (Charlotte Gainsbourg), una donna manager che in seguito a un crollo psicologico ha lasciato il lavoro per dedicarsi al volontariato in un centro di assistenza per migranti
...

LEGGI


il film

L’altra Heimat.
Cronaca di un sogno
di Edgar Reitz, con Jan Dieter Schneider, Antonia Bill, Maximilian Scheidt, Marita Breuer, Rüdiger Kriese. Germania 2013, 230’’

La ricca Germania di oggi, meta di emigrazione fin dagli anni 50 del Novecento, era intorno al 1840 un paese contadino e affamato agli albori della sua tardiva rivoluzione industriale. Spaventosa la miseria, e un arcigno dispotismo feudale che reprimeva duramente i nascenti movimenti di rivolta. Da quel paese si fuggiva o si sognava di fuggire, perché “qualunque destino è meglio della morte”...

LEGGI


    
l'editoriale

Torture

A metà del Seicento, il filosofo Thomas Hobbes diceva che lo Stato moderno è stato creato per salvaguardare l’incolumità e la sicurezza degli individui. Oggi, un altro filosofo, Giorgio Agamben dice che “lo stato di eccezione tende sempre più a presentarsi come il paradigma di governo dominante nella politica contemporanea”....

LEGGI
la lettera

Giusto! Bombardiamo le navi e arrestiamo gli scafisti! Finalmente una proposta!

Solo due mesi fa mi era capitato di scrivere di altre buone proposte: reti elettrificate che tagliano il Mediterraneo, pattugliamento costante della guardia costiera, divieto di soccorso e insediamento di squali aggressivi e specializzati....

LEGGI
Non facciamo
cose speciali,
guardiamo le cose
in modo diverso.

Sostieni il Naga adesso anche
con il 5x1000.
Codice fiscale
97 05 80 50 150.

www.naga.it

la segnalazione

VIDEO
Una giornata particolare
Guarda il nuovo divertentissimo
video del Naga...
solo 3 minuti e non perderti
il finale...

VEDI IL VIDEO

In redazione:E. Banchelli, M. Cartosio, S. Colombo, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Illustrazione: dal laboratorio di arte, Centro Naga-har © Seydu

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus
Nagazzetta Marzo 2015

MARZO 2015 - n. 60 www.naga.it    

l'intervento

Sex(po) appeal

L’esposizione universale calamita e volano del mercato della prostituzione. Alcune riflessioni di Cabiria, l'Unità mobile del Naga, che incontra chi si prostituisce per strada

Tutti i siti istituzionali su Expo danno i numeri: 144 paesi, per 184 giorni, con 20 milioni di visitatori e 10 mila lavoratori. Infine 25 miliardi di indotto annunciato. Neanche un riferimento però al flusso di persone che si prostituiscono e che raggiungeranno Milano ancor prima dell’inaugurazione prevista per il primo maggio... LEGGI


il libro

La bestia
di Óscar Martínez,
Fazi Editore 2014, pp. 320, €16,00

Le pagine di questo reportage seguono l’interminabile percorso delle decine di migliaia di migranti, soprattutto ragazzini e ragazzine, che ogni anno lasciano la regione settentrionale del Centro America (Honduras, Guatemala, El Salvador) diretti verso il mitico Norte. Scappano da miseria, disuguaglianze, violenza che fanno anche di questa parte del mondo una micidiale “macchina per l’espulsione delle persone”. Di fuga si tratta, infatti, più che di migrazione, precisa giustamente Martínez nel mostrarci le condizioni drammatiche che la determinano e le modalità terribili in cui si svolge e, troppo spesso, si conclude
... LEGGI


il film

Fuori campo
di Sergio Panariello,
con Sead Dobreva, Kjanija Asan, Leonardo Landi, Luigi Bevilacqua. Italia 2014, 70’


Dei 200.000 rom presenti sul territorio italiano, solo 40.000 abitano in un campo, tutti gli altri vivono fuori. Fuori dal campo, dentro case e appartamenti. Non sono nomadi, non chiedono l’elemosina in metropolitana, hanno un lavoro e parlano italiano. Questa normalità è la scoperta del regista Sergio Panariello, autore del documentario Fuori campo, voluto dalle associazioni OsservAzione e Compare/Mammut che si occupano dei diritti di rom e sinti in Italia... LEGGI


    
l'editoriale

Volontari a chi?

Tra le tante parole scippate e distorte dall’Expo, una tocca il Naga molto da vicino: volontari. Così vengono definiti i circa 8500 giovani che accoglieranno e orienteranno i visitatori. Fossero volontari nel senso pieno del termine...

LEGGI
la lettera

Un po' di astinenza sessuale non sarebbe male per queste persone...
e noi italiani che non possiamo permetterci neanche un figlio...


È certo che l'astinenza sessuale non conduce alla procreazione, ma non sono del tutto sicuro che la Signora Tiziana volesse intendere che "noi" italiani facciamo meno sesso di "loro", queste persone...

LEGGI
Non facciamo
cose speciali,
guardiamo le cose
in modo diverso.

Sostieni il Naga adesso anche
con il 5x1000.
Codice fiscale
97 05 80 50 150.

www.naga.it

la segnalazione

VIDEO
Una giornata particolare
Guarda il nuovo divertentissimo
video del Naga...
solo 3 minuti e non perderti
il finale...

VEDI IL VIDEO

In redazione: E. Banchelli, M. Cartosio, S. Colombo, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Fotografia: Al Naga © I. Carmassi

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus

 

Nagazzetta febbraio 2015

FEBBRAIO 2015 - n. 59 www.naga.it    
l'intervista

Cinesi in crisi

Dietro le mille vetrine, anche gli immigrati cinesi sentono la crisi economica. E qualcuno tra gli ultimi arrivati torna in patria

Parrucchieri, manicure, bar, ristoranti… I cinesi continuano ad aprire e a rilevare botteghe a tutto spiano, in centro e in periferia, a Milano e in provincia. Sembrano impermeabili alla lunga crisi economica che ha duramente colpito le altre comunità migranti, oltre che gli italiani. “Non è vero”, sostiene Daniele Brigadoi Cologna, sociologo delle migrazioni e socio fondatore dell’agenzia di ricerche “Codici”... LEGGI

il libro
Cronache di ordinario razzismo. Terzo Libro bianco sul razzismo in Italia
A cura dell’Associazione Lunaria,
Roma 2014.
Distribuito gratuitamente e scaricabile anche in inglese dal sito www.cronachediordinariorazzismo.org

Proprio mentre la Giunta per le immunità parlamentari propone al Senato di negare l’autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti di Calderoli nel caso Kienge, il Terzo libro bianco sul razzismo in Italia interviene con rigore di documentazione a mostrare quanto i comportamenti sociali, i discorsi delle istituzioni e dei media costruiscano quotidianamente l’immagine e l’esclusione dell’Altro
... LEGGI

il film
Timbuktu
di Abderrahmane Sissako.
Con Ibrahim Ahmed, Toulou Kiki,
Abel Jafri, Fatoumata Diawara,
Hichem Yacoubi
Francia - Mauritania, 2014, 97’


Vietato fumare, ascoltare musica (soprattutto rap) e giocare a calcio. Vietato togliersi il velo e mostrare i capelli, mostrare le mani e i piedi. Queste sono le regole principali che gli abitanti di Timbuktu devono rispettare sotto lo sguardo vigile di arbitri armati di fucile: un manipolo di miliziani jihadisti che ha preso il controllo della città... LEGGI

    
l'editoriale

Una piccola
buona notizia


Sappiamo, con Gramsci, che “il mondo è grande e terribile”. Sappiamo, con Shakespeare, che “il mondo è uscito dai cardini”. Eppure il concentrato di morte, tragedia, crudeltà, insipienza, menzogna che si è dato appuntamento nel mese di febbraio lascia senza fiato anche chi è preparato al peggio...

LEGGI
la lettera

Arridatece Gheddafi o almeno mettiamo una rete anti-immigrati sotto Lampedusa?

Gheddafi è morto e direi: punto. La rete la ancoriamo al fondale marino o la facciamo galleggiante con una parte sommersa bella lunga tipo iceberg? Alta quanto sul pelo dell'acqua? Elettrificata? ...

LEGGI
Non facciamo
cose speciali
guardiamo le cose
in modo diverso
sostieni il Naga adesso su
www.naga.it

la segnalazione

Martedì 10 MARZO 2015
Ore 11.00 - Sede NAGA

Nomadi per forza
Indagine sull'applicazione
delle Linee guida Rom, Sinti
e Caminanti del Comune
di Milano


Conferenza Stampa
di presentazione del Rapporto...

LEGGI

In redazione: E. Banchelli, M. Cartosio, S. Colombo, P. Massarotto, A. Pandolfi e la segreteria del Naga.
Grafica (grazie!): onelulu - Webmaster (grazie!): Enrico Elisei
Fotografia: Al Naga © I. Carmassi

NAGA
Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria
e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti


Via Zamenhof, 7/A -20136 Milano
Tel: 0258102599 - Cell 3491603305 - Fax: 028392927
www.naga.it - naga@naga.it

Facebook: www.facebook.com/NagaOnlus

 

Bookmark and Share
Notizie Naga

08/09/2017

Cronache dal Naga

La testimonianza di una volontaria

Leggi tutto »

04/09/2017

L'ordine delle cose

Il Naga con l'ultimo film di Andrea Segre

Leggi tutto »

03/07/2017

Mare calmo

La nostra risposta ai vertici internazionali

Leggi tutto »

Eventi

20/09/2017

30/09/2017

Un calcio al razzismo. In torneo per Italo.
La seconda edizione del torneo per continuare a ricordare Italo Siena

Leggi tutto »

30/09/2017