tl_files/naga/immagini/box_gruppi/Copertina Cabiria.jpg

 

Perché?

Le persone straniere che si prostituiscono in strada possono vivere in una situazione di emarginazione e sfruttamento che frequentemente si traduce in un minore accesso ai servizi presenti sul territorio.

 

Alcune di loro possono non conoscere i propri diritti, rinunciare ad usare i servizi legali e socio-sanitari, o non sapere a chi rivolgersi in caso di necessità. C'è chi ha bisogno di fare dei controlli sanitari, di imparare l'italiano o di trovare, se desiderato, un altro lavoro; c'è chi ha necessità di una consulenza legale, di risolvere un problema con i documenti, di essere mess* in contatto con chi si occupa dei percorsi di fuoriuscita nel caso sia vittima di tratta. C'è chi, nella notte, ha semplicemente voglia di staccare da quel che sta facendo, di parlare o ascoltare, di ridere con qualcuno, di bere un tè caldo, di confrontarsi su un dubbio: lì c'è Cabiria.

 

Cabiria si occupa di prevenzione ed informazione sanitaria, legale e sociale, al fine di favorire l'accesso ai servizi del territorio delle persone che si prostituiscono e di promuovere la conoscenza e rafforzare la consapevolezza dei propri diritti e della legislazione italiana in materia di prostituzione ed immigrazione.

 

Come?

Cabiria è un'unità di strada che di notte incontra persone che si prostituiscono a Milano.

 

Sia nel caso la prostituzione nasconda violenza, sia nel caso si tratti di una scelta, relazionarsi con chi lavora nel mondo della prostituzione presuppone l'essere accoglienti e non giudicanti, riconoscendo e valorizzando le innumerevoli risorse che ogni persona porta con sé.

 

Combattendo ogni discriminazione su base etnica, religiosa, politica, di orientamento sessuale e di genere, e lottando contro lo stigma che molto spesso colpisce le persone che si prostituiscono, Cabiria agisce facendo riduzione del danno, intessendo relazioni di fiducia con le persone che incontra e fornendo loro informazioni utili per l'accesso ai servizi del territorio. Oltre alle uscite con l'unità di strada, Cabiria organizza anche accompagnamenti diurni ai servizi, con lo scopo di facilitarne l'accesso.

 

Inoltre, Cabiria organizza incontri e dibattiti sul tema della prostituzione. Incontra giornalist*, videomakers, fotograf*, studenti e studentesse e organizza formazioni specifiche con lo scopo di migliorare la conoscenza ed ampliare il dibattito relativo a questa tematica, affrontando la questione nella sua complessità e cercando di fornire una visione che tenga conto di tutte le innumerevoli sfaccettature presenti.

 

Infine, Cabiria mantiene contatti e stringe reti con associazioni che lavorano su tematiche affini nel contesto milanese e lombardo.

 

Cabiria è una realtà in movimento, che cambia risposte al variare delle domande che la realtà stessa pone e dalla quale continuamente apprende e si arricchisce.

 

Chi?

Il gruppo Cabiria è composto da una trentina di volontar* che, grazie anche all'utilizzo delle lingue straniere (soprattutto spagnolo, inglese e portoghese), incontrano persone provenienti dalle più svariate parti del mondo.

 

Quante?

Ogni anno effettuiamo all'incirca 70 uscite e oltre 700 colloqui con persone che si prostituiscono.

 

 

Bookmark and Share
Notizie Naga

03/07/2017

Mare calmo

La nostra risposta ai vertici internazionali

Leggi tutto »

30/06/2017

Ieri in Comune e in Piazza della Scala

Il commento del Naga

Leggi tutto »

29/06/2017

Vi dovete rassegnare

Il commento del Naga alla proposta di chiusura dei porti

Leggi tutto »

Eventi

01/09/2017

Chiusure estive
Controlla le chiusure

Leggi tutto »

30/09/2017

Un calcio al razzismo. In torneo per Italo.
La seconda edizione del torneo per continuare a ricordare Italo Siena

Leggi tutto »