Centro Naga Har

 


 

Il Centro Naga Har è un luogo d'ascolto e di accoglienza. Le vittime della tortura sono state "tradite" da altre persone; per questo l'attività del Centro oltre a fornire supporto nella procedura di riconoscimento dello status di rifugiato, mira a far riacquistare loro fiducia negli altri, attraverso diversi tipi di attività socializzanti dalle partite di calcio ai corsi di fotografia. Il semplice fermarsi ad ascoltare le singole storie nella loro profonda unicità ed irriducibilità, consente di recuperarne la dimensione umana negata.

Perché?
Nel 2001 il Naga ha deciso di aprire un centro dedicato a richiedenti asilo, rifugiati e vittime della tortura, da un lato per dare supporto nella procedura di riconoscimento dello status di rifugiato, dall'altro per proporre un processo non medicalizzato di cura delle ferite invisibili lasciate da tortura e persecuzione, attraverso attività formative e socializzanti.

Come?
Il Centro Naga-Har è aperto quotidianamente e i suoi volontari forniscono assistenza legale e sociale a richiedenti asilo, rifugiati e vittime della tortura. Sono inoltre proposti corsi di italiano e di informatica, attività musicali, sportive, corsi di fotografia e cinema.

Chi?
Il servizio vede la presenza di 30 volontari: psicologi, medici, mediatori culturali, arte-terapeuti, musicisti, insegnanti e altre professionalità.

Quanti?
Circa 700 stranieri all'anno usufruiscono dei servizi e dell'assistenza del centro Har.


Il Centro Naga-Har si trova in via San Colombano, 8 ed è aperto tutti i giorni dalle 14.30 alle 18.30.

 

Bookmark and Share
Notizie Naga

19/01/2017

Intervista su Radio Popolare

Ascolta il Presidente del Naga sull’ipotesi del Governo di far lavorare i richiedenti asilo.

Leggi tutto »

10/01/2017

CIE: a volte ritornano

Il commento del Naga

Leggi tutto »

Eventi

20/01/2017

Concerto all'Auditorium di Milano
Alle ore 20.00 in Largo Mahler

Leggi tutto »

31/01/2017

Anni migranti
Alla Casa della Cultura Pietro Massarotto dialoga con il Prefetto Mario Morcone e il giornalista Stefano Liberti

Leggi tutto »

02/02/2017

SEX WORK
Vite, lavoro, sessualità. Un incontro al Naga.

Leggi tutto »