(Ben)venuti - Settembre 2017

tl_files/naga/immagini/newsletter-rifugiati/ico-diario2.png

IL DIARIO

 

 

Senza contatti

tl_files/naga/immagini/newsletter-rifugiati/diario-04.jpgUna graziosa mansarda nel cuore del centro storico di un paesino dell’hinterland milanese.  Il paese ha mantenuto il suo fascino, non è stato deturpato da improbabili costruzioni moderne che nulla c’entrano con lo stile degli edifici già esistenti. Uno dei tanti paesi di quell’Italia minore che tanto incanta per la sua bellezza. Qui, in uno di questi “posti di charme” come amano chiamarli le guide turistiche, troviamo nelle nostre peregrinazioni un Cas, ovvero un appartamento dedicato all’accoglienza diffusa di uno degli enti gestori attivi sul territorio della provincia milanese.  La mansarda con soffitto con travi a vista è disposta su due piani. Una sala con angolo cottura, divano e tavolo con sedie, una credenza, il bagno e una scaletta che porta sul soppalco, dove si apre la zona letto. Incantevole mini appartamentino per una giovane coppia alla sua prima esperienza di convivenza, o per un/una single alla sua prima esperienza di lavoro. No, niente di tutto questo. Ci aprono la porta due signori provenienti dall’Africa sub sahariana, tra i 40 e i 50 anni, che ci guardano con due occhi enormi e piuttosto spersi. Sono gentilissimi, non fanno che ringraziare l’Italia, gli italiani, l’operatore che li viene a trovare spesso, noi stesse, per essere lì. I due signori hanno lasciato il loro paese, dopo un viaggio avventuroso, durato qualche anno, sono finalmente approdati a Lampedusa, ansiosi di conoscere l’Eldorado tanto agognato. Ed eccoli qui. La casa è accogliente, l’operatore anche, ma il contesto non lo è molto. Il sindaco non li vuole o per lo meno non vuole vederli troppo in giro. Loro poi, non saprebbero dove andare, con chi parlare. Stanno cercando faticosamente, vista l’età, di imparare l’italiano in una scuola del paese vicino. Sono fiduciosi verso il mondo, sono certi che un giorno riusciranno a portare qui le loro famiglie. Per ora, sono qui, in questa deliziosa casa senza alcun contatto con l’esterno. Forse per un anno e mezzo, forse per due…

Torna

Bookmark and Share
Notizie Naga

20/10/2017

"Io sono buono! Io voglio essere bravo!".

Una testimonianza dallo sportello legale.

Leggi tutto »

11/10/2017

Due anni senza Italo

Il nostro ricordo

Leggi tutto »

03/10/2017

#marisicuri

Ti ricordi il 3 ottobre?

Leggi tutto »

Eventi

24/10/2017

(Stra)ordinaria accoglienza
Invito alla conferenza stampa di presentazione del rapporto

Leggi tutto »