tl_files/naga/immagini/head_gruppi/head_carce.jpgPerché?
All'interno del carcere i detenuti stranieri costituiscono la parte della popolazione carceraria più isolata. L'assenza d'informazione sui propri diritti, la difficoltà nell'accesso ai servizi, la barriera della lingua sono alcuni tra gli ostacoli che il gruppo carcere si propone di affrontare.

Come?
Il gruppo presta le proprie attività nelle carceri di San Vittore, Bollate e Opera. Svolge segretariato sociale, educazione sanitaria e giuridica, incontri interculturali e fornisce supporto psicologico e legale ai detenuti stranieri.

Chi?
Il gruppo carcere è composto da circa 15 volontari: studenti, pensionati, insegnanti e altre professionalità.

Quanti?
Il gruppo carcere incontra circa 1.400 detenuti stranieri all'anno.

Bookmark and Share
Notizie Naga

23/09/2016

CREA(te)LA

Realizziamo le nuove magliette del Naga attraverso un grande concorso!

Leggi tutto »

15/09/2016

Circolazione vulnerabile

Il commento del Naga sui fatti di Piacenza.

Leggi tutto »

19/07/2016

DA CHE PARTE STA IL SOLE?

La testimonianza di un volontario dello sportello legale

Leggi tutto »

Eventi

29/09/2016

Non siamo soli
Partecipa Pietro Massarotto, presidente Naga

Leggi tutto »

30/09/2016

Troppa accoglienza? I rifugiati e la coscienza europea
Università Bocconi, partecipa Pietro Massarotto Presidente del NAGA

Leggi tutto »

02/10/2016

Open Borders
Mostra fotografica dal 25/9 al 2/10, tavola rotonda 25/9.

Leggi tutto »