NagaNews > Comunicati stampa > Notizie Naga

Comunicati Stampa

Ambrogino d'oro

06/12/2016

Egregio Signor Sindaco,
 
il 7 dicembre non saremo al Teatro dal Verme a ricevere l'attestato di benemerenza civica che il Comune di Milano ha riconosciuto al progetto Ekotonos del Carcere di S. Vittore di cui facciamo parte sin dalla sua nascita nell'anno 1992.  
 
L'attestato è un importante riconoscimento ai volontari che, lungo tutti questi anni, non hanno mai fatto mancare il loro impegno per realizzare la filosofia di fondo riassumibile con il concetto di "empowerment": lavorare con le persone detenute e non per le persone detenute. Comprendiamo anche che il significato di questo premio sia quello di dare visibilità a un mondo -il sistema carcerario- ancora troppo ai margini e sensibilizzare nei riguardi dei suoi problemi tuttora irrisolti.
 
Nonostante questo, come Naga, non ci sembra che ci siano le condizioni minime per ricevere premi.
 
Non possiamo infatti esimerci dal fare alcune considerazioni partendo dall'articolo l'art. 27 della Costituzione Italiana: "Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato". E' applicata questa norma? Secondo noi, no.
 
La politica ha sistematicamente disatteso il dettato del testo costituzionale. A prescindere dai colori politici delle maggioranze parlamentari e dei governi, le forze politiche hanno continuato a considerare la situazione carceraria come un'emergenza senza quasi mai incidere, tranne casi davvero rari, sulla struttura nel suo complesso. Parliamo di sovraffollamento dovuto a misure alternative poco applicate, personale scarso, strutture obsolete oltre il limite della sostenibilità, coordinamento territoriale insufficiente, una legge sull'immigrazione che, per la sua rigidità sull'ingresso degli stranieri, genera illegalismo e micro-criminalità.
 
Inoltre per noi del Naga è intollerabile che i diritti basilari dei detenuti stranieri siano sistematicamente violati e i loro bisogni più elementari non siano soddisfatti.

Non vorremmo che, spenti i riflettori sulla cerimonia, tutto rimanesse come prima. 

Auspichiamo invece che questa sia l'occasione per il Consiglio Comunale di mettere in atto, il più presto possibile, quegli strumenti di propria competenza che possono contribuire a migliorare le condizioni del carcere, oggi purtroppo degradato a una vera e propria "discarica sociale". 
 
Con i migliori saluti.
Associazione Naga Onlus

Torna

Bookmark and Share