Nagazzetta Maggio 2017

CDA e CARA, accolgo ed identifico: corpi e numeri o esistenze con il loro progetto?

Accogliere ed identificare

  

I CDA, Centri di accoglienza, furono introdotti nel 1995 con la finalità di fornire una “prima accoglienza” al migrante rintracciato sul territorio nazionale per il tempo strettamente necessario alla sua “identificazione” ed alla definizione della sua posizione giuridica. I Cara, Centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo, affiancarono nel 2002 i CDA. Accogliere e identificare sono le parole chiave delle prime due strutture pensate per i migranti. Accogliere viene dal latino «accollĭgĕre, composto di ad- e collĭgĕre cogliere, raccogliere e significa “ricevere, e, in particolare, ricevere nella propria casa, ammettere nel proprio gruppo, temporaneamente o stabilmente; soprattutto con riguardo al modo, al sentimento, alle manifestazioni con cui si riceve: accogliere affettuosamente, con gioia, con dimostrazioni d’affetto; "fu accolto in quella casa come un figlio". Riferito a un luogo, a un ambiente, ha il significato di ricevere in sé, anche offrendo rifugio o ospitalità: ”il natio Borgo t’accoglie lieta madre e sposa (Carducci)»**. Missione impossibile: molti centri di accoglienza sono spesso così lontani dai luoghi abitati e dai mezzi pubblici che la funzione di “ricevere, accogliere” sembra più affidata al dare un tetto e un letto, come il Cara di Bari Palese, struttura pensata per 770 persone che ne “accoglie” 1787, che al far spazio all’altro rispettandone l’alterità. Identificare è un termine che proviene anch’esso dal latino ed è composto da identĭcus «identico» e da facĕre «fare» «L’identificazione, in particolare, è l’atto o l’operazione dell’identificare, nel significato di attribuire l’identità di una persona, di una cosa, di un elemento astratto»*. Due sono le accezioni prevalenti, quella che attiene all’ambito della psiche e quella giuridica. La prima rimanda alla questione dell’identità*** intesa come consapevolezza di sé come entità distinta dalle altre, con cui è sempre in relazione, e come continua nel tempo, pur nel variare dell’età, dei luoghi di vita e dei lavori svolti. Nell’accezione giuridica, invece, «l’identità di un vivente” è colta in esteriorità, come un dato neutro, stabilito «in base a dichiarazioni testimoniali o mediante il rilievo di elementi valutabili scientificamente; si parla, a tal proposito, dell’identità di un imputato, di essenziale importanza nel processo penale; dell’identità di un cadavere (o di sue parti), eseguita, nel caso di salma sconosciuta, attraverso la raccolta e lo studio di varî elementi (per es., l’accertamento del sesso, l’età apparente, le impronte digitali)».** Da un lato abbiamo l’identità come fatto bruto e casuale: il luogo di nascita, il patronimico, i dati antropometrici; dall’altro l’identità come l’atto dello sceglier-si (scegliere se stessi) secondo fini e valori: scegliere di abbracciare una religione o di non imbracciare un fucile, scegliere di subire il caso, il luogo di nascita, lo status assegnato, o, diversamente, cercare di decidere di sé. Nessuno è più di quel che fa, recita un vecchio detto. E nessuno è più di come fa quel che fa: se assimilo la diade “accogliere ed identificare” all’azione di accatastare e dare un numero qualifico me stesso come un burocrate caucasico barricato dietro nomi e norme che non rendono conto della realtà. Se, diversamente, intendo “l’accogliere ed identificare” come far spazio all’altro nella sua alterità con il progetto esistenziale, di vita, lavorativo ed affettivo, che gli è proprio, mostro di aver colto che la questione dei migranti è lo “snodo della contemporaneità”, ciò che deciderà di noi a seconda di come noi avremo deciso della vita di altri.

*= Devoto-Oli;
**= Dizionario Enciclopedico Treccani;
***= (liberamente tratto da) Dizionario di Psicologia a cura di Umberto Galimberti

Torna

Bookmark and Share
Notizie Naga

18/07/2018

Online la Newsletter Fuorivista n.3 - Luglio 2018 - COME LA PIOGGIA

Fuorivista, la newsletter delll'Osservatorio Accoglienza 2018

29/06/2018

L'Isola Europa: il reality.

Il commento del Naga al vertice europeo

Leggi tutto »

Eventi

04/09/2018

Chiusure Estive
Controlla le aperture e le chiusure dei nostri servizi.

Leggi tutto »

23/09/2018

Un calcio al razzismo - In torneo per Italo
Partecipa alla terza edizione del torneo!

Leggi tutto »